Blocco al Giro d’Italia. In tre legati alle caviglie e con striscioni in mano, rimozione violenta della “sicurezza”

18/05/2023 | Comunicati stampa

Mentre l’Emilia Romagna è sommersa dai cataclismi dell’emergenza climatica, non possiamo continuare a comportarci come se nulla fosse. Le catastrofi ambientali prima o poi renderanno impraticabili persino queste manifestazioni sportive. Ci scusiamo per le persone appassionate di ciclismo, ma questo sacrificio lo compiamo anche per tutelare lo sport in futuro.

Leggi comunicato stampa

Giornalista? Contatta il nostro ufficio stampa per ricevere in automatico i comunicati stampa e accedere a foto e video in alta qualità.

ULTIMA GENERAZIONE: BLITZ AL GIRO D’ITALIA
Intervento muscolare della sicurezza

“Mentre l’Emilia Romagna è sommersa dai cataclismi dell’emergenza climatica, non possiamo continuare a comportarci come se nulla fosse. Le catastrofi ambientali prima o poi renderanno impraticabili persino queste manifestazioni sportive. Ci scusiamo per le persone appassionate di ciclismo, ma questo sacrificio lo compiamo anche per tutelare lo sport in futuro”

TORINO, 18.05.2023. Questo pomeriggio alle 16:55, tre cittadine e cittadini aderenti legate alla campagna NON PAGHIAMO IL FOSSILE, promossa da Ultima Generazione, hanno preso parte ad un’azione non violenta rallentando il Giro d’Italia per pochi minuti su via Rivoli, all’altezza dell’incrocio con via Preiles. Legati tra loro tramite U-lock alle gambe sono state rimossi, in modo brusco e senza alcun riguardo per le urla di dolore, dalla sicurezza. E riportate brutalmente a bordo strada (o più posaicamente, trascinando uno dei tre a testa in giù nel fosso sottostante, tirando dietro gli altri due). 

Gli attivisti sono ancora sul posto.

ultima generazione imbrattamento milano statua equestre vittorio emanuele italia sussidi combustibili fossili

NUOVO ANNO, NUOVO GIRO

Ogni anno che passa il Giro d’Italia torna ad emozionare gli appassionati di ciclismo e conserva il prestigio di sempre. Le ruote continuano a girare, come continua a girare l’indotto economico della manifestazione. Tutto pare funzionare come sempre, se non si considerano le alluvioni che seguono i periodi di siccità più estremi del secolo, le temperature in costante aumento, il prodotto agricolo annuale che crolla di stagione in stagione. Gli attivisti di Ultima Generazione non hanno scelto il giro d’Italia per sottolineare una rivendicazione diversa dal solito o mossa da questioni inerenti a questa manifestazione specifica. La richiesta rimane invariata: Stop ai sussidi pubblici a tutti i combustibili fossili. 

Ultima Generazione imbratta Palazzo Madama come protesta

Mi chiamo Beatrice e oggi mi unisco alla campagna ‘Non Paghiamo il Fossile’ per fermare questa folle corsa. Partecipo perché sono arrabbiata e stufa. Sono anzi furiosa a causa di un governo che continua a investire ogni anno miliardi sul petrolio, lo getta sulla schiena dei propri cittadini alluvionati, per poi organizzare tavoli di emergenza o chiamare i familiari delle vittime per trasmettere una supposta, untuosa, vicinanza. Stufa di questo baraccone mediatico, che ancora dà copertura di intere giornate a una gara ciclistica anziché usare quello stesso tempo per dire e mostrare la verità. Siamo nel 2023, per me i giochi sono finiti. L’interruzione del giro, come d’altronde tutti i blocchi stradali che organizziamo, è durata pochi minuti, niente in confronto alle ore di fermo della A14 a causa delle alluvioni. Eppure nessuno ha il coraggio di prendersi le responsabilità di queste tragedie. Non è divina provvidenza: è emergenza climatica, e la colpa è dei governi a cui diamo il nostro voto per condannarci a morte”, ha dichiarato Beatrice, che ha preso parte all’azione di questo pomeriggio. 

La richiesta della campagna NON PAGHIAMO IL FOSSILE, promossa da Ultima Generazione, è:

Stop ai sussidi pubblici a tutti i combustibili fossili.

Ultima Generazione imbratta Palazzo Madama come protesta
Ultima Generazione imbratta Palazzo Madama come protesta
Ultima Generazione imbratta Palazzo Madama come protesta

Ultima Generazione sta chiedendo al governo italiano un “#FondoRiparazione” da 20 miliardi di euro per riparare i danni subiti dai cittadini a causa degli eventi meteorologici estremi (alluvioni, grandinate, incendi, siccità e così via) dovuti allo stravolgimento climatico provocato dall’uso dei combustibili fossili.

Per capire chi siamo e come agiamo, è possibile seguire ogni domenica sera alle h 21:00 una presentazione online su zoom, iscrivendosi a questo link. Più approfondimenti sul #FondoRiparazione sono disponibili a questo link.

 

Iscriviti alla newsletter

Ricevi nella tua casella di posta tutte le notizie su Ultima Generazione e sulla campagna #FondoRiparazione.