loader image

Blocco stradale sulla tangeziale Est a Roma, attivisti appesi al ponte con striscioni

17/05/2023 | Comunicati stampa

Gli extra-profitti delle aziende fossili li pagano ancora una volta i cittadini: 3 morti e migliaia sfollati in Romagna e Marche a causa delle esondazioni dei fiumi. Eni investe circa 15 volte di più nei combustibili fossili rispetto alle rinnovabili...

Leggi comunicato stampa

Giornalista? Contatta il nostro ufficio stampa per ricevere in automatico i comunicati stampa e accedere a foto e video in alta qualità.

ULTIMA GENERAZIONE: ROMA, APPESI A UN PONTE SULLA TANGENZIALE PER CHIEDERE LO STOP AI SUSSIDI AL FOSSILE

Gli extra-profitti delle aziende fossili li pagano ancora una volta i cittadini: 3 morti e migliaia sfollati in Romagna e Marche a causa delle esondazioni dei fiumi

Eni investe circa 15 volte di più nei combustibili fossili rispetto alle rinnovabili

ROMA, 17 MAGGIO 2023 – Questa mattina verso le ore 08:30, 14 cittadini e cittadine di Ultima Generazione hanno bloccato il traffico a Roma, nella tangenziale Est, alcune sedendosi sull’asfalto della carreggiata del senso di marcia che conduce verso la zona Nomentana e altre calandosi da un ponte di via delle Valli. Con loro alcuni striscioni con scritto “NON PAGHIAMO IL FOSSILE”. I cittadini della campagna di disobbedienza civile per tutta la durata dell’azione hanno dialogato con gli automobilisti presenti, discutendo della gravità della situazione climatica corrente e dell’inaccettabilità dell’inazione della Politica per contenerne i danni. Dopo pochi minuti di blocco, sono arrivate sul posto le Forze dell’ordine, che in poco tempo hanno fermato i presenti che si trovavano sulla strada, mentre alle ore 10:00 è iniziato l’intervento dei Vigili del fuoco per portare via le persone che erano appese al ponte e si è concluso dopo 30 minuti. Il traffico è stato bloccato in diversi intervalli. Le persone portate via dalla polizia in alcuni commissariati della zona.

ultima generazione imbrattamento milano statua equestre vittorio emanuele italia sussidi combustibili fossili

“Sono Carlotta e ho 33 anni, oggi sono qui perché non so più cosa fare per farmi ascoltare dal governo. Trovo profondamente ingiusto, sbagliato, immorale e crudele vedere che mentre le famiglie nelle Marche e in Emilia Romagna vivono la paura degli eventi estremi causati dalla crisi ecologica, il nostro governo continui a farsi comandare da Eni, che con sfregio per le famiglie a rischio e in povertà continua a fare soldi investendo in petrolio gas e carbone, cause  del disastro che stiamo vedendo in questi giorni. Quanto ancora deve succedere? Quante famiglie ancora devono perdere la casa e vite umane perché si ponga fine a questo orrore? Non sappiamo più cosa fare, chiediamo che si smetta di investire in combustibili fossili e speriamo che la giustizia faccia il suo corso con Eni e il procedimento avviato da Greenpeace e ReCommon”.

Ultima Generazione imbratta Palazzo Madama come protesta

IL CANE A SEI ZAMPE ALLA SBARRA. LA “GIUSTA CAUSA” DI GREENPEACE E RECOMMON

Per questo motivo il 9 maggio è stata notificata a Eni l’apertura di una causa civile da parte di Greenpeace Italia, Recommon e 12 tra cittadine e cittadini “per i danni subiti e futuri, in sede patrimoniale e non, derivanti dai cambiamenti climatici a cui Eni ha significativamente contribuito con la sua condotta negli ultimi decenni, pur essendone consapevole”. Alla sbarra non c’è solo Eni: sono stati chiamati in causa anche il ministero dell’Economia e delle Finanze e Cassa Depositi e Prestiti, in quanto maggiori azionisti di Eni. Lo Stato sembra essere il primo complice di queste politiche distruttive e assassine, oltre che avallando e favorendo le politiche di colossi come Eni, foraggiando con contributi pubblici (40 miliardi al 2021) l’uso dei combustibili fossili. Per questo siamo in strada a protestare: chiediamo lo stop ai sussidi pubblici al fossile.

Ultima Generazione imbratta Palazzo Madama come protesta

IL CANE A SEI ZAMPE ALLA SBARRA. LA “GIUSTA CAUSA” DI GREENPEACE E RECOMMON

Per questo motivo il 9 maggio è stata notificata a Eni l’apertura di una causa civile da parte di Greenpeace Italia, Recommon e 12 tra cittadine e cittadini “per i danni subiti e futuri, in sede patrimoniale e non, derivanti dai cambiamenti climatici a cui Eni ha significativamente contribuito con la sua condotta negli ultimi decenni, pur essendone consapevole”. Alla sbarra non c’è solo Eni: sono stati chiamati in causa anche il ministero dell’Economia e delle Finanze e Cassa Depositi e Prestiti, in quanto maggiori azionisti di Eni. Lo Stato sembra essere il primo complice di queste politiche distruttive e assassine, oltre che avallando e favorendo le politiche di colossi come Eni, foraggiando con contributi pubblici (40 miliardi al 2021) l’uso dei combustibili fossili. Per questo siamo in strada a protestare: chiediamo lo stop ai sussidi pubblici al fossile.   

La richiesta della campagna NON PAGHIAMO IL FOSSILE, promossa da Ultima Generazione, è:

Stop ai sussidi pubblici a tutti i combustibili fossili.

Ultima Generazione imbratta Palazzo Madama come protesta
Ultima Generazione imbratta Palazzo Madama come protesta

Ultima Generazione sta chiedendo al governo italiano un “#FondoRiparazione” da 20 miliardi di euro per riparare i danni subiti dai cittadini a causa degli eventi meteorologici estremi (alluvioni, grandinate, incendi, siccità e così via) dovuti allo stravolgimento climatico provocato dall’uso dei combustibili fossili.

Per capire chi siamo e come agiamo, è possibile seguire ogni domenica sera alle h 21:00 una presentazione online su zoom, iscrivendosi a questo link. Più approfondimenti sul #FondoRiparazione sono disponibili a questo link.

 

Iscriviti alla newsletter

Ricevi nella tua casella di posta tutte le notizie su Ultima Generazione e sulla campagna #FondoRiparazione.

Update cookies preferences